STORIE E TRADIZIONI

Quando l’abbigliamento diventa intelligente: l’ispirazione arriva dai calamari.

Ebbene si, avete letto bene: calamari. E non solo, ci sono anche seppie e polpi nella rosa dei molluschi che hanno dato l’ispirazione a due giovani ricercatori della California per realizzare e mettere a punto una trama tessile del tutto innovativa.

La pelle di questi molluschi, infatti, è stata oggetto di studio da parte del team di Irvine, che ne ha subito messo a fuoco la capacità termica e di adattamento alle variazioni di temperatura, arrivando alla conclusione che queste specie marine, modificando la forma delle cellule del derma (dette cromatofori), possono in qualsiasi condizione climatica adattare il corpo alle proprie esigenze termiche, intrappolando ed espellendo calore a seconda del bisogno.

Partendo da questa considerazione, i ricercatori sono riusciti a concretizzare l’idea di creare una fibra con le stesse identiche proprietà e gli stessi meccanismi di reazione agli impulsi termici della pelle dei molluschi. In questo modo utilizzando questo innovativo materiale tessile si potranno realizzare coperte spaziali, tende per il campeggio e per le emergenze, capaci di rispondere dinamicamente a qualsiasi condizione ambientale, o anche alla gestione termica di devices elettronici.

In sostanza un tessuto in grado di espellere gli eccessi di calore laddove ci si trovi in una condizione di alte temperature e allo stesso tempo catturare calore laddove invece ci sia una condizione che determina il raffreddamento del corpo. Una procedura che tiene il corpo ad una temperatura ottimale e soprattutto costante.

Un altro aspetto cruciale è la presenza futura del nuovo materiale nella routine di tutti i giorni, ossia il momento in cui potrà diventare materiale con cui realizzare abbigliamento, in quanto sfruttando le capacità della fibra, si potrà creare un vestiario che permetterà a chiunque di mantenere stabile la temperatura ideale del proprio corpo, comportando una riduzione dell’energia usata per riscaldamento e condizionamento del 30/40%.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *